Rifasamento BT Automatico

4 motivi per rifasare il tuo impianto


Disposizioni dell'Autorità

L’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) con le delibere 654/2015 e successive impone nuove disposizioni per tutti gli utenti allacciati in BT o MT e con potenza impegnata >16,5kW, pena la sospensione del servizio. Le penali in bolletta sono applicate agli impianti con cos phi medio mensile inferiore a 0,95.


Efficienza energetica

Il rifasamento riduce le correnti «inutili» che fluiscono nelle linee e nei componenti di potenza con i seguenti benefici: ottimizzazione del dimensionamento dei componenti; riduzione delle cadute di tensione; riduzione delle perdite per effetto joule; riduzione dell’invecchiamento dei componenti.


Convenienza economica

Benefici economici dovuti all’eliminazione delle penali in bolletta previste dall’Autorità e alla riduzione della corrente e conseguente riduzione dell’invecchiamento dei componenti.


Qualità dell'energia

In molti impianti elettrici alimentati da rete MT si riscontra una tensione BT notevolmente distorta a causa dell’eccessiva saturazione del trasformatore MT/BT. Il corretto rifasamento delle utenze riduce in maniera sostanziale questa problematica. Inoltre il corretto rifasamento impedisce l’innesco delle risonanze limitando la presenza delle armoniche in corrente.

Rifasamento automatico standard

Il rifasamento standard viene utilizzato in quegli impianti dove non ci sono correnti pesantemente deformate (verificare il dato di THD% della corrente di impianto, che deve essere minore del THDIR% della famiglia di rifasatori scelta) nè problematiche di risonanza.

Se nell’impianto la presenza di armoniche non è trascurabile, preferire soluzioni con condensatori rinforzati (ovvero con tensione nominale più elevata di quella della rete).

In caso di utilizzo in impianti con ciclo di lavoro gravoso, oppure in caso di installazione in cabine con temperatura elevata, preferire le soluzioni con condensatori rinforzati (serie VP, FV).

SELEZIONA LA FAMIGLIA PER VEDERE LE SCHEDE TECNICHE
      MICROmatic MINImatic MIDImatic MULTImatic
HP10 Polipropilene
ad alto
gradiente
THDIR% = 12%
THDIC% = 50%
UN = 415V
HP20 Polipropilene
ad alto
gradiente
THDIR% = 20%
THDIC% = 70%
UN = 460V
HP30 Polipropilene
ad alto
gradiente
THDIR% = 27%
THDIC% = 85%
UN = 550V
   
VP10 Polipropilene ad alto gradiente rinforzato THDIR% = 27%
THDIC% = 85%
UN = 400V
 
VP20 Polipropilene ad alto gradiente rinforzato THDIR% = 27%
THDIC% = 90%
UN = 460V
   

 

Rifasamento con induttanze di blocco

Soluzione utilizzata quando nell’impianto elettrico circola una corrente con un elevato contenuto armonico (THD) e/o con rischio di risonanza con il trasformatore MT/bt, è quindi da preferirsi per impianti con importanti carichi distorcenti (illuminazione non a filamento, elettronica di potenza, inverters, soft starters, forni ad induzione, saldatrici…).

SELEZIONA LA FAMIGLIA PER VEDERE LE SCHEDE TECNICHE
      MINImatic MIDImatic MULTImatic
FH20 Polipropilene
ad alto
gradiente
THDIR%  100%
THDVR% ≤ 6%
UN = 550V
fD = 180Hz (n=3,6)
 
FH30 Polipropilene
ad alto
gradiente
THDIR%  100%
THDVR% ≤ 6%
UN=550V
fD = 135Hz (n=2,7)
 
FV25 Polipropilene ad alto gradiente rinforzato THDIR%  100%
THDVR% ≤ 6%
UN = 460V
fD = 180Hz (n=3,6)
   
FV25V Polipropilene ad alto gradiente rinforzato THDIR%  100%
THDVR% ≤ 8%
UN = 460V
fD = 180Hz (n=3,6)
   
FV35 Polipropilene ad alto gradiente rinforzato THDIR%  100%
THDVR% ≤ 6%
UN = 460V
fD = 135Hz (n=2,7)
   

 

Applicazioni